Funzionalità e peculiarità dei martinetti
sulla notizia

 
Aziende  »  
Segnala su:     segnala su OKNOtizie    Segnala su Del.icio.us     sagnala su facebook

Funzionalità e peculiarità dei martinetti

Funzionalità e peculiarità dei martinetti

 

Cos’è il martinetto e come si utilizza

Il martinetto è un congegno utilizzato per sollevare grandi pesi a piccola altezza, infatti questa macchina è in grado di esercitare una notevole forza con una corsa limitata, quindi è usata specialmente per sollevare grandi pesi a piccola altezza. Si tratta dunque di uno strumento particolarmente utile all’interno delle aziende, in quanto i capannoni che ospitano la merce, le materie e gli impianti hanno degli spazi che è vitale razionalizzare al fine della riuscita perfetta del ciclo di lavoro produttivo. Inoltre aiutano a mantenere l’ambiente di lavoro sempre ordinato, pulito e soprattutto sicuro, perché poter spostare grandi pesi senza che restino in posizioni pericolose, rispetto alle operazioni di lavoro, è senza dubbio garanzia di sicurezza e tranquillità per tutti i lavoratori.

Le varie tipologie di martinetto esistenti e come agiscono

I martinetti isobarici prevedono diverse tipologie per svolgere varie funzioni, stiamo parando in particolare di quelli a vite meccanica o rotante e di quelli idraulici, di seguito andremo ad analizzarli caso per caso. Il martinetto a vite, detto anche meccanico, si sostanzia in una vite trapezoidale di sollevamento in acciaio, che si impegna nella filettatura interna di una corona circolare e nel farla muovere, ma senza far ruotare la vite di sollevamento collegata in modo assolutamente rigido al carico da sollevare. In questo modo si provoca l’innalzamento o l’abbassamento della vite in base al senso di rotazione della corona e si muove il tutto nel senso che si desidera. C’è anche il martinetto a vite rotanti, in questo caso la vite in acciaio, strettamente collegata con la corona, ruota e su di se scorre una madrevite che risulta mobile perché in grado di avanzare o retrocede in virtù del verso di rotazione che si dà alla vite. Tale operazione può avvenire in modo manuale o usufruendo di motori elettrici o idraulici. Infine, il martinetto idraulico agisce grazie all’azione dell’olio (o comunque sempre di un liquido), in pressione su di uno stantuffo, che viene spinto con forza nel cilindro che lo canalizza nelle due camere. L’operazione è controllata da valvole in modo da variare la corsa di sollevamento del pistone e la sua velocità di spostamento. La pompa dell’olio è azionata da un motore esterno o, solo per applicazioni di modesta potenza, manualmente. Nel caso in cui la pressione sia esercitata da aria compressa e non da un liquido, il martinetto è detto pneumatico.

 

 

 
AZIENDE
 
AZIENDE
ASSISTENZA E MANUTENZIONE CALDAIA PROFESSIONALI A ROMA
DRY-TECH: SEMPRE AL TUO FIANCO PER UN SUCCESSO GARANTITO
L’ARTE DELL’ORGANIZZAZIONE EVENTI: IDEE, CONSIGLI E SOLUZIONI PER EVENTI PERFETTI
SENSORI ALLARME: QUANTI TIPI SONO E A COSA SERVONO?
ALLARME SENZA FILI: PERCHÉ SCEGLIERLO?
DOMICILIAZIONE LEGALE: UN SERVIZIO OTTIMO PER IL PROFESSIONISTA CHE LAVORA DA REMOTO
 
 
Fai di SullaNotizia la tua home page   |    inserisci nei preferiti  |  mappa del sito  |  redazione  |  pubblicità

SullaNotizia - Giornale Online di Puntocomunicazione P.IVA: 03115080610