Cinque banche e isitituti finanziari italiani promossi agli Stress Test
sulla notizia

 
Segnala su:     segnala su OKNOtizie    Segnala su Del.icio.us     sagnala su facebook

Cinque banche e isitituti finanziari italiani promossi agli Stress Test

Esame superato con ottimi risultati per 5 banche ed istituti finanziari italiani agli esami degli Stress Test...

Cinque banche e isitituti finanziari italiani promossi agli Stress Test

Ben cinque banche e istituti finanziari italiani, sulle 91 banche europee sottoposte agli "stress test", tutte e cinque promosse a pieni voti. Hanno superato gli esami MPS, Unicredit Banca, Intesa San Paolo, UBI Banche e Banco Popolare.

Anche le banche francesi hanno avuto ottimi risultati all'esame, mentre è andata peggio la Germania, con una banca su 13 non promossa. In totale, solo 8 banche europee su 91 totali hanno fallito la prova. Per completare, il quadro, sedici banche hanno mostrato un rapporto tra capitale e impegni inferiore alla norma e saranno sottoposte a verifiche, mentre per le altre dovranno essere disposti piano di ricapitalizzazione in tempi brevi.

Vediamo adesso cosa sono "gli stress test". Questi test servono a misurare la resistenza delle banche che operano nell'area euro di fronte all'ipotesi di un rallentamento economico prolungato e di rischio del debito sovrano. Gli accertamenti sono stati compiuti dal comitato per la supervisione del sistema bancario europeo, in collaborazione con la Commisione europea e la BCE. Le banche che non sono riuscite a superare la prova dovranno rivolgersi al mercato per la provvista di fondi e non si escludono interventi dei singoli governi.

Tutte le banche dovranno procedere alla ricapitalizzazione con forti misure del settore privato, ma se una banca non fosse in grado di sostenere l'onere, i governi sono pronti a varare misure per garantire la stabilità finanziaria come del resto è accaduto durante la crisi del 2008. L'idea dei stress test per le banche e gli istituti finanziari, viene fuori dalla grande crisi e ha trovato una nuova ragione con il rischio di fallimento della Grecia. Proprio ieri il bollettino economico di Bank Italia faceva osservare che resta elevata l' incertezza per l'economia a causa dei rischi di rallentamento della ripresa internazionale e all'evoluzione della crisi del debito sovrano nell'area euro. Non senza una punta di ironia si deve notare che la prova generale di una nuova crisi e dei strumenti di difesa si è svolta con un verismo impressionante.

Grazie agli interventi continui delle agenzie di "rating", si è prospettato alle banche uno scenario di eccezionale gravità: speculazione al ribasso e ripresa economica frenata. Va spiegato che la prova d'esame non è stata una simulazione del disastro temuto ma piuttosto una ricognizione delle condizioni di salute delle banche e una verifica delle loro capacità di difesa sui livelli attuali di capitalizzazione. Il test ha dimostrato che i livelli di capitalizzazione delle banche italiane risultano nettamente superiori a quanto richiesto.

 
ECONOMIA & FINANZA
 
ECONOMIA & FINANZA
SI PUÒ DIVENTARE RICCHI PRIMA DELLE 8 DI MATTINA?
CONTO DEPOSITO: PERCHÉ SCEGLIERLO?
IPERPRICE: IL POPOLO DI CHI FA SHOPPING IN RETE SCEGLIE LA BANDIERA DEL PREZZO MIGLIORE
I TREND MODA PER L’INVERNO 2017-2018
OROLOGI PER RAGAZZI: MODELLI DA REGALARE
ONORARI AVVOCATO: SENZA UN ACCORDO FANNO FEDE I PARAMETRI FORENSI
 
 
Fai di SullaNotizia la tua home page   |    inserisci nei preferiti  |  mappa del sito  |  redazione  |  pubblicità

SullaNotizia - Giornale Online di Puntocomunicazione P.IVA: 03115080610