Lo spread, questo sconosciuto...
sulla notizia

 
Segnala su:     segnala su OKNOtizie    Segnala su Del.icio.us     sagnala su facebook

Lo spread, questo sconosciuto...

Quante volte negli ultimi mesi abbiamo sentito la parola spread?

Lo spread, questo sconosciuto...

Lo spread con i bund si allarga, lo spread con i bund diminuisce, il rapporto bund/btp è… e così via. Con questo post vorrei sottoporre agli internauti qualche mia personale considerazione. In primis dico che lo spread, a volere essere brutali, funziona un po’ come una assicurazione sulla vita. Se la faccio a 20 anni è un conto, se voglio stipularla a 55 anni è un altro.

Cos’è cambiato? La probabilità di morire. E che l’assicurazione, dovendo pagare un premio, nel mio caso, vada in perdita. Pertanto un 55enne è costretto a pagare una rata più alta di un 20enne. Uno spread più alto significa che qualcuno ritiene alta la probabilità di insolvenza e di default di un paese, e pertanto esige interessi più alti. La rata più alta, perché moribondo.

Se andiamo a vedere lo spread ad agosto 2011, ci accorgiamo che eravamo intorno ai 280 punti, comunque sotto ai 300.
Da quel punto siamo passati agli oltre 550 di fine Ottobre. Per dirla con un linguaggio da medico siamo passati ad una malattia curabile con sciroppo e compresse ad una situazione, quella con lo spread a oltre 550 punti, da malato terminale.

La domanda che mi e vi pongo è semplicissima: cosa mai sarà cambiato a livello di indicatori macroeconomici in due soli mesi? Niente.

Come non vedere in ciò una manovra per indebolire l’Italia? Adesso dopo la cura Monti dovremmo stare meglio, eppure siamo ancora ai livelli di Agosto. Anzi forse lo spread salirà ancora un po’ non tanto per colpa nostra quanto per una leggera contrazione dell’economia tedesca.

Va' detto, ma questo è ovvio, che uno spread basso fa' risparmiare, alla scadenza dei buoni, paccate di miliardi all’Italia; e bisogna tenere sotto controllo questi indicatori, perché nessuna nazione è un’isola. Ma bisognerebbe anche chiedere a chi sa' e chi decide il perché e su quali basi si possa passare, in pochi mesi, da un raffreddore ad un tumore.

Ci sono persone che in buona fede ritengono che una nazione prospera e forte sia foriera di maggiori opportunità per tutti. E come dar loro torto.

I raider della Finanza però la pensano diversamente. Per fare dei grossi profitti hanno bisogno di paura, di caos, di nazioni in ginocchio da depredare.

E quello che sta succedendo in Italia?

 
ECONOMIA & FINANZA
 
ECONOMIA & FINANZA
SI PUÒ DIVENTARE RICCHI PRIMA DELLE 8 DI MATTINA?
CONTO DEPOSITO: PERCHÉ SCEGLIERLO?
IPERPRICE: IL POPOLO DI CHI FA SHOPPING IN RETE SCEGLIE LA BANDIERA DEL PREZZO MIGLIORE
I TREND MODA PER L’INVERNO 2017-2018
OROLOGI PER RAGAZZI: MODELLI DA REGALARE
ONORARI AVVOCATO: SENZA UN ACCORDO FANNO FEDE I PARAMETRI FORENSI
 
 
Fai di SullaNotizia la tua home page   |    inserisci nei preferiti  |  mappa del sito  |  redazione  |  pubblicità

SullaNotizia - Giornale Online di Puntocomunicazione P.IVA: 03115080610