Assen, che battaglia! La pole a Stoner
sulla notizia

 
Sport  »  Motori  »  
Segnala su:     segnala su OKNOtizie    Segnala su Del.icio.us     sagnala su facebook

Assen, che battaglia! La pole a Stoner

L’australiano la spunta di un soffio su Pedrosa e Rossi

ASSEN (OLANDA), 27 giugno - Fossero tutte come quella di oggi ad Assen, le qualifiche sarebbero quasi più divertenti delle gare. Sul circuito olandese, dove domani si correrà il nono Gran Premio della stagione, si è assistito a un fantastico duello a colpi di giri veloci tra Casey  Stoner Dani Pedrosa e Valentino Rossi. Alla fine l’ha spuntata, per soli 32 centesimi, il campione del mondo della Ducati che ha preceduto lo spagnolo della Honda e il pesarese della Yamaha. Il tempo fatto registrare dall’australiano è stato stupefacente: 1’35”520, quasi un secondo sotto la pole stabilita l’anno scorso da John Hopkins. Oltre ai tre piloti che guidano, in senso inverso rispetto alla classifica odierna, la graduatoria iridata, sotto l’1’36” sono scesi solo Nicky Hayden e Randy   De Puniet. Male è andato invece Jorge Lorenzo, settimo a oltre un secondo da Stoner. La crisi di Marco Melandri si fa sempre più profonda.

Il ravennate non riesce proprio a uscire dal buco nero nel quale è andato a cacciarsi. E anche oggi con la stessa Ducati in dotazione all'australiano, ha fatto registrare il diciassettesimo e ultimo tempo, a oltre tre secondi dal compagno di squadra. Segno evidente che ormai, oltre ai problemi tecnici, è subentrata anche la rassegnazione. Di certo, come ha fatto chiaramente capire il responsabile Ducati Corse Livio Suppo, così non si può andare avanti. Per il bene della casa di Borgo Panigale e dello stesso Melandri.

Nonostante il terzo posto in griglia, Rossi alla fine è piuttosto soddisfatto, anche perché rispetto ai tempi mostruosamente inferiori rispetto a tutti gli altri fatti registrare ieri da Stoner nelle libere, oggi il gap tra l'australiano e i suoi rivali si è notevolmente ridotto, per non dire azzerato. «Abbiamo fatto delle modifiche, usate solo con le gomme da qualifica, che ci hanno fatto progredire - ha detto il leader della classifica ai microfoni di Italia 1 - però faccio un po' fatica a curvare, l'anteriore non lo sento ancora mio. Comunque, partire in prima fila non è male». La pole è andata a Stoner: «Le prove di questi giorni hanno detto che il suo potenziale è più alto del nostro - ha commentato il pesarese - ma cercherò comunque di dargli fastidio». E proprio Stoner, che avrebbe tutti i motivi per essere felice, storce invece il naso, lamentandosi per un problema sul cruscotto della sua Ducati: «Non riuscivo a vedere i tempi sul giro. È un problema che abbiamo avuto già a Donington e che mi ha distratto».


ASSEN, QUALIFICHE MOTOGP: I TEMPI - 1. Casey Stoner (Aus/Ducati) 1'35”520; 2. Dani Pedrosa (Esp/Honda Hrc) + 0”032; 3. Valentino Rossi (Ita/Yamaha) + 0”139; 4. Nicky Hayden (Usa/Honda Hrc) + 0”455; 5. Randy De Puniet (Fra/Lcr Honda) + 0”465; 6. Colin Edwards (Usa/Tech 3 Yamaha) + 0”758; 7. Jorge Lorenzo (Esp/Yamaha) + 1”012; 8. Chris Vermeulen (Aus/Suzuki) + 1”248; 9. Shinya Nakano (Jpn/Honda Gresini) + 1”284; 10. Sylvain Guintoli (Fra/Ducati Alice Team) + 1”303; 11. Andrea Dovizioso (Ita/Honda Jir Scott) + 1”379; 12. Alex De Angelis (Rsm/Honda Gresini) + 1”428; 13. James Toseland (Gbr/Tech 3 Yamaha) + 1”458; 14. Toni Elias (Esp/Ducati Alice Team) + 1”767; 15. John Hopkins (Usa/Kawasaki) + 2”123; 16. Anthony West (Aus/Kawasaki) + 2”273; 17. Marco Melandri (Ita/Ducati) 3”206

FONTE: CORRIERE DELLO SPORT

 
SPORT
CALCIO
ALTRI SPORT
MOTORI
 
MOTORI
FRENI A DISCO: QUALE OLIO SCEGLIERE E QUANDO SOSTITUIRLO.
ABBIGLIAMENTO DA MOTOCROSS: UN PREZIOSO ALLEATO!
LA GIACCA MOTO PER L’INVERNO 2014: H2OUT I-COMBAT BY SPIDI
EMOZIONI A QUATTRO RUOTE
ORA VAI E INSEGNA AGLI ANGELI COME SI IMPENNA
LA LEGGENDA DI AYRTON SENNA DALL'11 FEBBRAIO AL CINEMA
 
 
Fai di SullaNotizia la tua home page   |    inserisci nei preferiti  |  mappa del sito  |  redazione  |  pubblicità

SullaNotizia - Giornale Online di Puntocomunicazione P.IVA: 03115080610