Un'aquila nel Pd. La lungimiranza di Arturo Parisi sarÓ ascoltata? Ne dubito..
sulla notizia

 
Politica  »  interni  »  
Segnala su:     segnala su OKNOtizie    Segnala su Del.icio.us     sagnala su facebook

Un'aquila nel Pd. La lungimiranza di Arturo Parisi sarÓ ascoltata? Ne dubito..

L'ex ministro della Difesa, nonchŔ uno dei fautori dell'Ulivo, Ŕ uno che non le manda a dire..

Un'aquila nel Pd. La lungimiranza di Arturo Parisi sarÓ ascoltata? Ne dubito..

 

Devo confessare di avere un debole per il politico italiano che risponde al nome di Arturo Parisi.
Un uomo visionario, capace di vedere oltre, uno che non le manda a dire; è un po’ la Cassandra del centrosinistra, ed ovviamente i suoi consigli non vengono quasi mai ascoltati.

Fu tra i fautori della stagione del governo dei professori, la rimpiange come un’epopea che non ha avuto la forza di compiersi, come una favola senza il lieto fine.

Sogna in cuor suo, neanche tanto velatamente, un nuovo Beniamino Andreatta capace d’inventarsi un nuovo Romano Prodi. Parisi, rude all’apparenza, è un cervello fino e, politicamente parlando, un rivoluzionario capace di sfiorare il nichilismo.

Fu tra i primi a vedere la fragilità del Prodi II, è stato tra i primi a criticare il modo di fare, clientelare e bizantino, del nuovo soggetto, il PD, che pure tanto aveva sognato, anelato e concorso a costruire.

Eppure non sempre quest’anima critica viene ascoltata.

 

 

L’ultima sfuriata investe Pierluigi Bersani. Parisi è stato tra i promotori del referendum, e non è disposto a dimenticare i tentennamenti dei dirigenti che assecondano il referendum ma non lo sponsorizzano.
Un modo come un altro per una uscita decorosa in caso di fallimento nonché per saltare sul carro in caso di vincita. Il referendum non solo è riuscito.

E’ stato un successo, la gente come non mai ha sentito il bisogno di un ritorno alle scelte, senza liste bloccata in cui inserire la moglie di, il segretario di, il figlio di, l’amante di, azioni, peraltro, trasversali a tutto lo spettro politico.

“Come si fa dico io a non riconoscere la distanza spaventosa che esiste tra il deliberato proposto dal vertice del Partito, e, purtroppo accettato alla unanimità dalla Direzione, e il fiume di firme che ci ha travolto?
Come si fa a non cogliere la rivolta crescente, la passione per la democrazia che sta dietro quel gesto moderato e rispettoso apposto dai cittadini su moduli spesso cercati e trovati con fatica.

E' evidente che troppe sono le cose che dobbiamo dirci.

Ma per dirle abbiamo bisogno di dirti caro Bersani con lealtà citandoti che "il partito che io e chi anche tra noi non ha obbedito non si comporta così.

Il partito che abbiamo in mente non guarda il movimento passare, limitandosi a salutarlo e ad ospitarlo. Il partito che abbiamo in mente non si nasconde dietro la teoria che i referendum sono cosa della società civile o degli altri partiti, una tesi adatta alla maggioranza non all'opposizione.

Il partito che abbiamo in mente è esso stesso movimento, e dentro la società che si muove sta alla testa, e qualche volta può finire in coda, ma mai fuori o di lato.

Un partito non può comunque allo stesso rivendicare la sua funzione egemone e, quando conviene, coprirsi dietro un compito ancillare, guida e servitore, soprattutto sui temi cruciali della politica come sta ora facendo il Pd.

Un partito non può accontentarsi, come ha detto oggi Bersani, di rivendicare il merito di essere uscito dal Referendum senza farsi del male. La sua ambizione deve essere quella di fare del bene all'Italia, non quella di fare male al Partito”.

Queste le parole di Arturo Parisi al politburo del PD.

Forza Parisi, sferza il PD a dare e a fare di più. Almeno un estimatore ce l’hai.

Massimo Bencivenga 

 

 
Tag Clouds

PD

referendum

POLITICA
INTERNI
ESTERI
 
INTERNI
PRIMARIE IN CAMPANIA? QUANDO E CON QUALI CANDIDATI?
QUANTO VALE IL VOTO DEI GAY?
LA GRANDE PACIFICAZIONE E LA TERZA REPUBBLICA
IL SENATO DEGLI ALTRI
IL LINGUAGGIO DI RENZI
IL NEO-PREMIER RIUSCIR└ A FAR PASSARE LA RENZINOMICS?
 
 
contatti

SullaNotizia - Giornale Online